Questo sito è dedicato alla rugbylist, un ritrovo "virtuale" dove si incontrano centinaia di appassionati di rugby.
 

[RUGBYLIST] R: test match v All Black

tizianotaccola1 a alice.it tizianotaccola1 a alice.it
Mar 27 Nov 2018 09:00:33 CET



http://terzo-tempo.blogautore.repubblica.it/2018/11/25/azzurri-voto-3-le-pagelle-secondo-i-maestri-blacks/?fbclid=IwAR1fRTGufor3OPsiEl7iu1IkqR28ZWZmM-bgEBUw0HXWgV_yD2HZmhkIXVw


  ----Messaggio originale----
 
Da: rugbylist a rugbylist.it
 
Data: 26-nov-2018 18.37
 
A: "Poldorugby via Rugbylist"<rugbylist a rugbylist.it>
 
Ogg: [RUGBYLIST] test match v All Black
 

 
E' difficile raccogliere le idee per partecipare alla chiacchierata su una sconfitta del genere. Fu peggio, mi pare, solo a Auckland e Bologna quando in ambedue gli incontri fin 70 a 6.Ma se l'Italia piange, la Francia non ride. Mal comune .... Purtroppo non  cos. Sar dura digerirla questa sconfitta. Ovviamente non si pensava di vincere! Ma di salvare la faccia, quello s. Gli errori quelli del passato: la touche, la seconda linea di difesa al largo inesistente quando i tutti neri ci scavalcavano con il loro gioco al piede, l'uno contro uno poco efficace, la determinazione e la conoscenza del gioco, s anche quella. Tutti gli azzurri si sono battuti con ardore, ma non  sufficiente. Chi gioca in nazionale ormai  un professionista a tutti gli effetti. Da un professionista si deve pretendere di pi, molto di pi di quello che abbiamo visto in campo all'Olimpico sabato scorso.Ci sono due mesi di tempo, prima dell'inizio del 6Nazioni, per dimostrare che il rugby italiano non  quello visto contro gli All Blaks. Proviamoci!!!
 
Romano Rambaldi
 
   E' difficile raccogliere le idee per partecipare alla chiacchierata su
 
   una sconfitta del genere. Fu peggio, mi pare, solo a Auckland e Bologna
 
   quando in ambedue gli incontri finì 70 a 6.
 

 
   Ma se l'Italia piange, la Francia non ride. Mal comune .... Purtroppo
 
   non è così. Sar  dura digerirla questa sconfitta. Ovviamente non si
 
   pensava di vincere! Ma di salvare la faccia, quello sì. Gli errori
 
   quelli del passato: la touche, la seconda linea di difesa al largo
 
   inesistente quando i tutti neri ci scavalcavano con il loro gioco al
 
   piede, l'uno contro uno poco efficace, la determinazione e la
 
   conoscenza del gioco, sì anche quella. Tutti gli azzurri si sono
 
   battuti con ardore, ma non è sufficiente. Chi gioca in nazionale ormai
 
   è un professionista a tutti gli effetti. Da un professionista si deve
 
   pretendere di più, molto di più di quello che abbiamo visto in campo
 
   all'Olimpico sabato scorso.
 

 
   Ci sono due mesi di tempo, prima dell'inizio del 6Nazioni, per
 
   dimostrare che il rugby italiano non è quello visto contro gli All
 
   Blaks. Proviamoci!!!
 

 
   Romano Rambaldi
 

 



-------------- parte successiva --------------
   http://terzo-tempo.blogautore.repubblica.it/2018/11/25/azzurri-voto-3-l
   e-pagelle-secondo-i-maestri-blacks/?fbclid=IwAR1fRTGufor3OPsiEl7iu1IkqR
   28ZWZmM-bgEBUw0HXWgV_yD2HZmhkIXVw

     ----Messaggio originale----
     Da: rugbylist a rugbylist.it
     Data: 26-nov-2018 18.37
     A: "Poldorugby via Rugbylist"<rugbylist a rugbylist.it>
     Ogg: [RUGBYLIST] test match v All Black
     E' difficile raccogliere le idee per partecipare alla chiacchierata
     su una sconfitta del genere. Fu peggio, mi pare, solo a Auckland e
     Bologna quando in ambedue gli incontri finì 70 a 6.Ma se l'Italia
     piange, la Francia non ride. Mal comune .... Purtroppo non è così.
     Sar  dura digerirla questa sconfitta. Ovviamente non si pensava di
     vincere! Ma di salvare la faccia, quello sì. Gli errori quelli del
     passato: la touche, la seconda linea di difesa al largo inesistente
     quando i tutti neri ci scavalcavano con il loro gioco al piede,
     l'uno contro uno poco efficace, la determinazione e la conoscenza
     del gioco, sì anche quella. Tutti gli azzurri si sono battuti con
     ardore, ma non è sufficiente. Chi gioca in nazionale ormai è un
     professionista a tutti gli effetti. Da un professionista si deve
     pretendere di più, molto di più di quello che abbiamo visto in
     campo all'Olimpico sabato scorso.Ci sono due mesi di tempo, prima
     dell'inizio del 6Nazioni, per dimostrare che il rugby italiano non
     è quello visto contro gli All Blaks. Proviamoci!!!
     Romano Rambaldi
        E' difficile raccogliere le idee per partecipare alla
     chiacchierata su
        una sconfitta del genere. Fu peggio, mi pare, solo a Auckland e
     Bologna
        quando in ambedue gli incontri fin¬ 70 a 6.
        Ma se l'Italia piange, la Francia non ride. Mal comune ....
     Purtroppo
        non ¨ cos¬. Sar  dura digerirla questa sconfitta. Ovviamente
     non si
        pensava di vincere! Ma di salvare la faccia, quello s¬. Gli
     errori
        quelli del passato: la touche, la seconda linea di difesa al
     largo
        inesistente quando i tutti neri ci scavalcavano con il loro gioco
     al
        piede, l'uno contro uno poco efficace, la determinazione e la
        conoscenza del gioco, s¬ anche quella. Tutti gli azzurri si
     sono
        battuti con ardore, ma non ¨ sufficiente. Chi gioca in
     nazionale ormai
        ¨ un professionista a tutti gli effetti. Da un professionista
     si deve
        pretendere di pi¹, molto di pi¹ di quello che abbiamo visto
     in campo
        all'Olimpico sabato scorso.
        Ci sono due mesi di tempo, prima dell'inizio del 6Nazioni, per
        dimostrare che il rugby italiano non ¨ quello visto contro gli
     All
        Blaks. Proviamoci!!!
        Romano Rambaldi


Maggiori informazioni sulla lista Rugbylist