Questo sito è dedicato alla rugbylist, un ritrovo "virtuale" dove si incontrano centinaia di appassionati di rugby.
 

[RUGBYLIST] R: Carlo Gori ha passato la palla

tizianotaccola1 a alice.it tizianotaccola1 a alice.it
Ven 20 Mar 2020 08:15:38 CET



Quando un giocatore passa la palla e lascia il campo, c'Ŕ un grande rimpoanto nei giocatoriche rimangono. Alla famiglia vadano le mie pi¨ sentite condoglianze.14Cavallopazzo


  ----Messaggio originale----
 
Da: rugbylist a rugbylist.it
 
Data: 20-mar-2020 7.56
 
A: "Rugbylist Rugbylist"<rugbylist a rugbylist.it>
 
Ogg: [RUGBYLIST] Carlo Gori ha passato la palla
 

 
Con grande rammarico vi comunico che Carlo Gori, uomo che ha contribuito come giocatore e come allenatore in modo importante al periodo d'oro delle Fiamme Oro Padova, fondatore e poi allenatore per moltissimi anni del Vasari Rugby Arezzo, ieri ha passato la sua ultima palla. 
 
Moltissimi sono i ricordi che mi legano a Carlo, che mi ha insegnato a giocare a questo sport, che ad inizio degli anni 1980 ad Arezzo era realmente qualcosa di esotico.
 
Il pi¨ grande rammarico, vista la situazione, Ŕ non poter neanche andare a salutarlo per un'ultima volta.
 
Vi allego quanto riportato nel sito del Vasari Rugby Junior.
 
Un saluto.
 
Giovanni Cardeti
 

 
La Vasari Rugby ricorda e piange con profonda tristezza uno dei personaggi fondamentali per la nascita e lo sviluppo del rugby aretino, venuto a mancare nella giornata di oggi all’età di 85 anni.
 
Erano gli inizi degli anni ’80 quando Carlo, nato in Casentino nelle vicinanze di Bibbiena, tornava ad Arezzo da Padova, dove per molti anni, prima come giocatore e poi come allenatore, aveva contribuito fattivamente ad alimentare la leggenda delle Fiamme Oro.
 
Erano i tempi in cui il rugby era ancora uno sport in bianco e nero, assolutamente di nicchia, giocato da uomini veri che non andavano troppo per il sottile, duri come il marmo e segnati da cicatrici in ogni parte del corpo.
 
Nel 1982, dopo allenamenti a cui partecipavano sempre pi¨ ragazzi attratti dalla stranezza e dal fascino di questa palla bislunga, il Maresciallo Gori contribuisce a fondare la Vasari Rugby Arezzo, simbolo la Chimera di Arezzo, colori sociali giallo e bl¨.
 
La leggenda vuole che il nome della nuova società non fosse stato scelto in modo casuale: Giorgio Vasari, illustre personaggio aretino, da contrapporre a Francesco Petrarca, altro famoso aretino, che aveva già dato il nome all’altra blasonata squadra di Padova, contro cui Carlo ai tempi delle Fiamme Oro aveva giocato tanti derby.
 
La squadra giallobl¨, tutta composta da giocatori locali senza alcun vissuto rugbystico, nel primo campionato di serie C/2, stagione 1982/83, girone umbro-tosco-sardo-laziale, raggiunge incredibilmente la terza posizione finale sopravanzando squadre blasonate con alle spalle decenni di attivitÓ.
 
L’anno successivo il Vasari viene addirittura promosso in serie C/1 (a quel tempo unica squadra in Italia ad essere riuscita in così poco tempo dalla fondazione nell’impresa insieme al Tre Pini Padova) al termine del doppio spareggio con il Rugby Aosta, vittoria 16-12 fuori casa e sconfitta al per 4-0 ad Arezzo, partita al termine della quale per molte ore nessuno riuscì a capire quale fosse la squadra promossa….. altri tempi, altro rugby, altri uomini.
 
Molte cose sono successe in seguito: per tanti anni Gori allen˛ la squadra giallobl¨ e contemporaneamente fece crescere come uomini e come giocatori decine di ragazzi, contribuendo allo sviluppo del settore giovanile ed alla grande espansione di questo sport nella nostra cittÓ.
 
Negli ultimi anni, seppur con qualche acciacco legato all’età, era sempre presente alle partite della prima squadra, pronto a dare qualche suggerimento o a commentare qualche azione, con la stessa identica passione di quando era nel campo da gioco in mezzo a qualche mischia.
 
Moltissimi sono gli aneddoti che potremmo ricordare, dall’affettuoso “Te dò ‘na gnocca” con cui era solito riprendere i giocatori che sbagliavano qualche giocata, alla mitica papalina dei Redskins da cui non si staccava mai, ai mille e mille altri episodi che ciascuno dei suoi ragazzi continuerà a conservare nel proprio cuore.
 
Per tutti Ŕ stato una guida, un esempio, un amico, un padre, un uomo vero al quale ci si poteva affidare e su cui si poteva sempre contare, nel campo e fuori nella dura vita di tutti i giorni.
 
Alla moglie, ai figli, agli amici ed ai compagni di mille partite, le pi¨ sentite condoglianze da parte di tutta la dirigenza e della grande famiglia del Vasari Rugby Arezzo.
 

 

 



-------------- parte successiva --------------
   Quando un giocatore passa la palla e lascia il campo, c'├Ę un grande
   rimpoanto nei giocatori

   che rimangono. Alla famiglia vadano le mie pi├╣ sentite condoglianze.

   14Cavallopazzo

     ----Messaggio originale----
     Da: rugbylist a rugbylist.it
     Data: 20-mar-2020 7.56
     A: "Rugbylist Rugbylist"<rugbylist a rugbylist.it>
     Ogg: [RUGBYLIST] Carlo Gori ha passato la palla
     Con grande rammarico vi comunico che Carlo Gori, uomo che ha
     contribuito come giocatore e come allenatore in modo importante al
     periodo d'oro delle Fiamme Oro Padova, fondatore e poi allenatore
     per moltissimi anni del Vasari Rugby Arezzo, ieri ha passato la sua
     ultima palla.
     Moltissimi sono i ricordi che mi legano a Carlo, che mi ha insegnato
     a giocare a questo sport, che ad inizio degli anni 1980 ad Arezzo
     era realmente qualcosa di esotico.
     Il pi├╣ grande rammarico, vista la situazione, ├Ę non poter neanche
     andare a salutarlo per un'ultima volta.
     Vi allego quanto riportato nel sito del Vasari Rugby Junior.
     Un saluto.
     Giovanni Cardeti
     La Vasari Rugby ricorda e piange con profonda tristezza uno dei
     personaggi fondamentali per la nascita e lo sviluppo del rugby
     aretino, venuto a mancare nella giornata di oggi allÔet├  di 85
     anni.
     Erano gli inizi degli anni Ô80 quando Carlo, nato in Casentino nelle
     vicinanze di Bibbiena, tornava ad Arezzo da Padova, dove per molti
     anni, prima come giocatore e poi come allenatore, aveva contribuito
     fattivamente ad alimentare la leggenda delle Fiamme Oro.
     Erano i tempi in cui il rugby era ancora uno sport in bianco e nero,
     assolutamente di nicchia, giocato da uomini veri che non andavano
     troppo per il sottile, duri come il marmo e segnati da cicatrici in
     ogni parte del corpo.
     Nel 1982, dopo allenamenti a cui partecipavano sempre pi├╣ ragazzi
     attratti dalla stranezza e dal fascino di questa palla bislunga, il
     Maresciallo Gori contribuisce a fondare la Vasari Rugby Arezzo,
     simbolo la Chimera di Arezzo, colori sociali giallo e bl├╣.
     La leggenda vuole che il nome della nuova societ├  non fosse stato
     scelto in modo casuale: Giorgio Vasari, illustre personaggio
     aretino, da contrapporre a Francesco Petrarca, altro famoso aretino,
     che aveva gi├  dato il nome allÔaltra blasonata squadra di Padova,
     contro cui Carlo ai tempi delle Fiamme Oro aveva giocato tanti
     derby.
     La squadra giallobl├╣, tutta composta da giocatori locali senza
     alcun vissuto rugbystico, nel primo campionato di serie C/2,
     stagione 1982/83, girone umbro-tosco-sardo-laziale, raggiunge
     incredibilmente la terza posizione finale sopravanzando squadre
     blasonate con alle spalle decenni di attivit├ .
     LÔanno successivo il Vasari viene addirittura promosso in serie C/1
     (a quel tempo unica squadra in Italia ad essere riuscita in cos├Č
     poco tempo dalla fondazione nellÔimpresa insieme al Tre Pini Padova)
     al termine del doppio spareggio con il Rugby Aosta, vittoria 16-12
     fuori casa e sconfitta al per 4-0 ad Arezzo, partita al termine
     della quale per molte ore nessuno riusc├Č a capire quale fosse la
     squadra promossaÔŽ.. altri tempi, altro rugby, altri uomini.
     Molte cose sono successe in seguito: per tanti anni Gori allen├▓ la
     squadra giallobl├╣ e contemporaneamente fece crescere come uomini e
     come giocatori decine di ragazzi, contribuendo allo sviluppo del
     settore giovanile ed alla grande espansione di questo sport nella
     nostra citt├ .
     Negli ultimi anni, seppur con qualche acciacco legato allÔet├ , era
     sempre presente alle partite della prima squadra, pronto a dare
     qualche suggerimento o a commentare qualche azione, con la stessa
     identica passione di quando era nel campo da gioco in mezzo a
     qualche mischia.
     Moltissimi sono gli aneddoti che potremmo ricordare, dallÔaffettuoso
     ÔTe d├▓ Ôna gnoccaÔ con cui era solito riprendere i giocatori che
     sbagliavano qualche giocata, alla mitica papalina dei Redskins da
     cui non si staccava mai, ai mille e mille altri episodi che ciascuno
     dei suoi ragazzi continuer├  a conservare nel proprio cuore.
     Per tutti ├Ę stato una guida, un esempio, un amico, un padre, un
     uomo vero al quale ci si poteva affidare e su cui si poteva sempre
     contare, nel campo e fuori nella dura vita di tutti i giorni.
     Alla moglie, ai figli, agli amici ed ai compagni di mille partite,
     le pi├╣ sentite condoglianze da parte di tutta la dirigenza e della
     grande famiglia del Vasari Rugby Arezzo.


Maggiori informazioni sulla lista Rugbylist